Da fuoristrada a sogno caraibico

Gli apprendisti creano una Cayenne

Da fuoristrada a sogno caraibico

6 novembre 2023, agvs-upsa.ch – Hanno avvitato, martellato e saldato per il loro sogno di una Porsche Cayenne. Alla fine hanno anche sudato, perché il fuoristrada creato dagli apprendisti del Centro Porsche di Zugo sarebbe stato a un soffio dal raggiungere il gran finale. Jürg A. Stettler

Foto: Porsche

È stata la più grande esposizione Porsche in Svizzera: Porsche ha celebrato il 75° anniversario del marchio di auto sportive in estate con oltre 8000 fan e circa 1500 modelli Porsche presso l’aerodromo di Mollis GL. A catturare l’attenzione è stata una Porsche Cayenne E1 molto speciale, progettata dagli apprendisti del Centro Porsche di Zugo. «Quando abbiamo saputo del concorso interno di Porsche per celebrare i 20 anni della Cayenne e del compito di creare una ’Leggenda Viva’ che suscitasse emozioni nei clienti», dice Thomas Güntert, Responsabile Aftersales del Centro Porsche Zug, «è stato subito chiaro che avremmo partecipato. Abbiamo pensato a come distinguerci, oltre al design e alla creatività, e abbiamo coinvolto i nostri apprendisti».

Sensazione da spiaggia invece di ambizioni da fuoristrada
Il progetto è partito anche dall’idea di creare una controparte del primo SUV del marchio di auto sportive, invece di trasformarlo in un fuoristrada duro. Inoltre, c’era un budget fisso, una Porsche Cayenne Turbo nera di prima generazione e, soprattutto, tempi piuttosto stretti. «Avevamo un numero elevatissimo di idee», rivela l’apprendista Timon Lustenberger. «All’inizio pensavamo a una Porsche da doposci. Poi ci siamo resi conto che la presentazione era in piena estate. Così abbiamo cambiato idea e, invece di un suono da baita e di bevande calde, abbiamo optato per un grande box refrigerato, sedie da spiaggia, un’atmosfera da autobus hippie con una tavola da surf e colori vivaci».

Poiché volevano che il tutto fosse sostenibile, i cinque apprendisti hanno anche installato un pannello solare sul tetto per fornire elettricità al refrigeratore e al jukebox. Questi ultimi sono alloggiati su un sistema estraibile nella parte posteriore, in modo da essere facilmente accessibili. Il tendalino e i suoi supporti hanno rappresentato una sfida tecnica durante la conversione. Il Meccanico diagnostico d’automobile Damian Scheer, che ha realizzato la cosiddetta Cayenne caraibica con gli apprendisti Vincent Brand, Jan Amrein, Espen Eggspühler, Timon Lustenberger e Valentin Schuler, spiega: «Ci siamo consultati in anticipo con l’Ufficio della circolazione stradale per sapere a cosa dovevamo prestare attenzione. Dopotutto, una delle specifiche del concorso prevedeva che la conversione della Cayenne superasse il MOT».


Jan Amrein ed Espen Eggspühler (a destra) mostrano il sistema di estrazione nella parte posteriore per il carillon e altro ancora - proprio come i cerchi a raggi turchesi, una caratteristica speciale della Cayenne caraibica. Foto: UPSA Media



Sfide tecniche superate
I cinque apprendisti e il loro caposquadra hanno superato senza problemi le sfide tecniche. È stato molto più difficile rispettare il budget con tutte le idee. «Il primo passo è stato quello di separare il grano dalla pula. Volevamo fare meno, ma farlo bene», dice Jan Amrein. Una decisione che ha dato i suoi frutti. Ma prima di iniziare la conversione, è stato necessario riparare la guarnizione del cilindro della Cayenne Turbo e smontare completamente il motore. Valentin Schuler aggiunge: «È stato bello lavorare sul motore insieme a Damian. È una cosa che normalmente non si fa in questa fase dell’apprendistato».

porsche_inhalt12.jpgJan Amrein, Valentin Schuler, Timon Lustenberger, Vincent Brand, il Meccanico diagnostico d'automobile Damian Scheer ed Espen Eggspühler con la Caribbean Dream nello showroom (da sinistra a destra). Foto: UPSA Media

Espen Eggspühler, che presto studierà per diventare ingegnere automobilistico, spiega: «Abbiamo prestato molta attenzione ai dettagli, tutto doveva essere coerente. Le pinne della tavola da surf, ad esempio, riprendono il turchese dei cerchioni. Abbiamo anche aggiunto il nostro logo alla tavola da surf. Il box e le sedie a sdraio con il logo della palma dovevano essere come il nuovo sistema di navigazione». Un nuovo sistema di navigazione: la Cayenne non avrebbe trovato la festa in spiaggia con quello vecchio? «Sì, certo», dice Schuler, «ma l’installazione era anche un requisito competitivo». Naturalmente, non poteva mancare la scritta in stile Porsche. Damian Scheer l’ha fornita con la stampante 3D. «È sufficiente una stampante 3D», dice con un sorriso. Alla fine, però, la Porsche dei sogni ha rischiato di non arrivare al grande anniversario. «Sì, un tubo dell’acqua si è rotto un giorno prima del collaudo, il che ha richiesto un turno supplementare», aggiunge Scheer.


Vincent Brand, Timon Lustenberger, Espen Eggspühler, Jan Amrein e Valentin Schuler esaminano il motore della Cayenne Turbo (da sinistra a destra). Foto: Porsche

Non nascondere il progetto in officina
Durante un pit-stop interno, gli apprendisti hanno potuto presentare il progetto di successo e i dettagli all’intero Centro Porsche. L’accattivante Cayenne caraibica è anche un ospite frequente su varie piattaforme di social media. «Abbiamo persino realizzato un filmato teaser in stile Baywatch, anche se non c’è stato abbastanza tempo perché i ragazzi corressero verso la Cayenne in costume da bagno sulla spiaggia», afferma Raffael Wild, responsabile marketing del Centro Porsche di Zugo. «Era chiaro fin dall’inizio che non avremmo semplicemente realizzato il progetto in officina per poi nasconderlo». È diventato un oggetto esuberante, aggiunge Wild, «ma serve pienamente al suo scopo e attira immediatamente l’attenzione con i suoi colori vivaci». Attualmente, la Caribbean Cayenne funge da richiamo visivo nello showroom, ma dopo l’utilizzo per scopi di marketing, un cliente che aveva sentito parlare del progetto di apprendistato ha già chiesto esplicitamente la Caribbean Cayenne come auto sostitutiva.

porsche_inhalt11.jpg Valentin Schuler al volante della Cayenne. Foto: UPSA Media

Via al corso off-road Porsche
Naturalmente, l’incarico più importante della Caribbean Cayenne deve ancora arrivare. «A novembre potremo portare la nostra Cayenne a Lipsia, dove dovremo dimostrare sul percorso fuoristrada Porsche che la nostra conversione è ancora guidabile», spiega Timon Lustenberger. «Vediamo come si comporta in fuoristrada, perché l’abbiamo abbassata parecchio». Vincent Brand indica gli speciali cerchi a raggi turchesi con il simbolo della palma sopra il mozzo della ruota: «Dovrebbero essere messi alla prova anche nell’uso 4×4». Il Meccanico diagnostico d’automobile Scheer ha una visione più rilassata: «Almeno ha ancora le sospensioni pneumatiche, quindi dovrebbe fare una buona figura in fuoristrada nonostante l’abbassamento». Indipendentemente dalle prestazioni della Cayenne caraibica, una cosa è chiara: tutti gli apprendisti si sono divertiti molto con questo progetto insolito e hanno potuto acquisire un’esperienza preziosa per le loro future carriere.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

6 + 5 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti