Un risveglio speciale da parte dei ragazzi

Cambio di prospettiva

Un risveglio speciale da parte dei ragazzi

16 gennaio 2024 agvs-upsa.ch – È imminente un grande cambiamento nell'industria automobilistica, non solo in termini di tipi di guida, ma anche nel modo in cui interagiamo gli uni con gli altri. Questo campanello d'allarme della giovane generazione ha tutte le carte in regola. Cynthia Mira

08_bildung_920x500px01.jpg
Dopo la tavola rotonda con la Generazione Z, una cosa è chiara: sono necessarie innovazioni e nuovi modi per trattenere i giovani talenti nell'industria automobilistica e, soprattutto, per trarre vantaggio dal potenziale delle donne.

Due donne hanno un incidente e tornano dall'officina con un'asta piegata. Viene subito detto loro quanto questo sia tipico, dopotutto sono donne. Le professioniste dell'industria automobilistica si trovano ancora spesso di fronte a commenti di questo tipo da parte dei colleghi maschi, come ha descritto in modo impressionante sul palco la partecipante alle WorldSkills Sophie Schumacher. Tuttavia, questo è solo un lato della medaglia. Perché sono anche le donne stesse a riprodurre questi giudizi e modi di dire specifici per il genere nell'industria. Questo è uno dei risultati interessanti della tesi di laurea di Simone Ruckstuhl. La donna è nel bel mezzo del processo di acquisizione delle officine Ruckstuhl di Zurigo. «Ho studiato scienze sociali e pensavo che il mio lavoro sulle donne nel settore automobilistico sarebbe stato una semplice spiegazione degli stereotipi. In pratica, avrei appreso dagli uomini che non ci sono più donne perché non sanno fare nulla con la tecnologia e perché sono stronze». Ma il risultato è stato diverso: « Con mio grande stupore, durante le interviste mi sono trovata di fronte a donne che dicevano esattamente la stessa cosa. Le ho sentite dire che le donne devono solo sopportare le persone che dicono le cose e che di solito sono troppo stronze e non hanno niente a che fare con la tecnologia ». La Ruckstuhl è stata felice di rispondere che la persona in questione era una donna e che aveva a che fare con la tecnologia. Sul palco, ha poi lanciato il seguente messaggio ai partecipanti: «Se vogliamo essere innovativi nell'industria automobilistica in termini di promozione delle donne e vogliamo davvero cambiare qualcosa, dobbiamo abbattere le strutture sottostanti». Per loro, queste intuizioni sono state un campanello d'allarme. Le dichiarazioni delle due donne sul palco sono state accolte più volte da applausi.

La tavola rotonda è stata presieduta da Olivier Maeder, responsabile della formazione dell’UPSA. Ha parlato con i migliori giovani talenti dell'industria automobilistica e quindi con coloro che negli ultimi anni hanno conquistato diversi podi ai campionati svizzeri e alle competizioni internazionali. Tra le altre cose, Maeder ha affrontato il tema della carenza di manodopera qualificata e ha voluto sapere dalla Generazione Z cosa può fare un'azienda per trattenerli nel settore. Noah Frey ha vinto la medaglia di bronzo ai campionati svizzeri due volte negli ultimi due anni e ha sottolineato l'importanza che l'azienda lo sostenga in termini di formazione continua. « Attualmente mi sto formando per diventare un diagnosta e sto ricevendo molto sostegno dalla mia azienda, Amag », dice. Anche questo è necessario. Fabio Bossart sta seguendo lo stesso percorso di formazione. Anche il secondo campione europeo di Schötz LU è stato sul palco e ha deciso di accettare un lavoro in un'azienda familiare più piccola. Dice: «È importante parlare con le persone dopo l'apprendistato e chiedere loro quali sono i loro progetti. Si tratta anche di rispondere ai desideri individuali e vedere fino a che punto possono essere realizzati». In generale, il team e la cultura sono fondamentali.

08_bildung_920x500px02.jpg

Per quanto riguarda il passaggio a nuovi modelli di orario di lavoro, Maeder ha passato la parola a Simone Ruckstuhl. Ha detto: « La mia esperienza nella mia azienda è che non sono solo i giovani a presentare queste richieste. Si tratta di un cambiamento sociale e noi stiamo cercando di rispondere a questa esigenza.» Non è facile offrire una posizione part-time in tutti i settori, ma si permettono anche di cercare nuove strade e talvolta di fallire. È l'unico modo per trovare una soluzione, invece di dire fin dall'inizio che non lo si farà per principio. Lo stesso vale per l'azienda di famiglia di Florent Lacilla, attuale campione del mondo. Anche il lavoro part-time è un problema per loro, come ha detto: «Abbiamo un ingegnere meccatronico che lavora al 70%. Certo, a volte bisogna spostare il programma settimanale, ma è possibile». A livello personale, il successo nelle competizioni ha cambiato molto nel suo lavoro quotidiano: «Il riconoscimento e la fiducia in me stesso sono aumentati, ho imparato molto su di me e riesco a gestire meglio lo stress. Inoltre, non ho più paura di nulla in officina, il che è sicuramente un vantaggio», dice ridendo. La sua motivazione a dare il meglio ogni giorno nell'industria automobilistica è in linea con il tema della conferenza: «Sono motivato dall'incredibile diversità e dalle varie innovazioni che vengono attualmente introdotte nel settore ».
 
È possibile leggere il resoconto dettagliato dello «Giornata dei garagisti svizzeri» 2024 nella sezioneUTOINSIDE 2/2024.



Tutto sulla «Giornata del garagista svizzero» 2024
è possibile scoprirlo qui.

torna su


 
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

2 + 14 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti