Dobbiamo fare di più

Dobbiamo fare di più

Dobbiamo fare di più

23 febbraio 2024 agvs-upsa.ch – L'UPSA, le sue sezioni e i suoi vari istituti devono affrontare molte sfide nel campo della formazione professionale di base e superiore. Il PSC è stato un esempio impressionante di come si possa lavorare insieme per combattere la carenza di personale qualificato, la bassa percentuale di donne nella forza lavoro e l'emigrazione dal settore. Jürg A. Stettler e Ilir Pinto

bbk1_920x500px.jpg
Al PSC i partecipanti hanno discusso su come affrontare insieme le varie sfide nel campo della formazione professionale di base e avanzata. Foto: media UPSA

Charles-Albert Hediger, membro del Comitato centrale dell'UPSA e presidente del CPS dell'UPSA, ha chiarito all'apertura dell'assemblea annuale quanto sia difficile l'attuale situazione dell'industria automobilistica: "Il mercato automobilistico del 2023 è chiaramente sceso sotto la soglia delle 300’000 unità. Questo ha un impatto sul nostro bilancio: dobbiamo diventare più efficienti, fare di più con meno", e questo in un momento in cui anche i profili professionali stanno subendo grandi cambiamenti a causa della crescente elettrificazione dei veicoli.

La sua collega del Comitato Centrale, Barbara Germann, ha chiarito ai circa 60 presenti quanto sia importante far appassionare le donne all'industria automobilistica. È fondamentale che gli operatori percepiscano e accolgano i propri dipendenti senza pregiudizi, a prescindere dal sesso, dall'origine, ecc. B. Germann è orgogliosa di avere in Sophie Schumacher una così forte ambasciatrice del settore. Nella formazione tecnica di base, la percentuale di donne è ancora inferiore al 5%, nel commercio supera il 50% e nella vendita al dettaglio va dal 13 al 15%. Dobbiamo dimostrare alle donne che vale la pena di venire e rimanere nel nostro settore", afferma B. Germann.

Segnare punti con Lehrberufe-Live e Tiktok
Olivier Maeder, responsabile del settore formazione dell'UPSA, è d'accordo: «Una percentuale maggiore di donne è un modo per affrontare la carenza di personale qualificato». La panoramica di 45 minuti su Lehrberufe-Live offre agli studenti una buona prima impressione. Rispondiamo alle domande in chat e la risposta è enorme", spiega O. Maeder, che spera che il format raggiunga la Svizzera francese nel 2024, dopo essersi affermato in quasi tutti i cantoni della Svizzera tedesca. Anche su Tiktok le professioni automobilistiche fanno parlare di sé: 1’172’800 visualizzazioni e una portata di 416’672 dimostrano che anche con i video di danza si può generare attenzione per le professioni automobilistiche. O. Maeder ha anche invitato a sensibilizzare gli operatori su temi quali la soddisfazione e la fedeltà dei dipendenti. «L'immagine del marchio del datore di lavoro, la formazione e la promozione dei talenti e lo sviluppo della propria attività sono tutti fattori decisivi», spiega O. Maeder. «Le piccole aziende sono più personali, le grandi più flessibili.»

bbk2_920x500px.jpg
Voti chiari a favore della formazione alla Commissione per la formazione professionale BBK UPSA 2024.

Nuovo UFCOS al posto della CSBFC
Per quanto riguarda la formazione commerciale di base, Hans Pfister ha sottolineato che sono stati assunti solo 80 apprendisti e che c'è ancora molto potenziale in questo settore. «Il feedback degli operatori sulla nuova piattaforma Time2learn è stato molto positivo», ha detto Pfister. «Purtroppo il tasso di turnover tra i formatori è elevato, per questo stiamo offrendo ulteriori corsi di formazione per formatori commerciali 2023 nel settore automobilistico. In definitiva, non mancano i giovani interessati, ma solo i posti di formazione». H. Pfister sottolinea che dobbiamo già pensare ai master trainer e ai corsi per esperti d'esame (PEX) in vista della nuova procedura di qualificazione prevista per il 2026. Accoglie con favore il riorientamento dell'organizzazione mantello sotto il nuovo nome di FOCOS (Formation des employés de commerce Suisse, ex CSBFC): «Qui possiamo partecipare al processo decisionale e ora abbiamo AFP e CFC sotto lo stesso tetto».

Per quanto riguarda la formazione di base del commercio al dettaglio, Andreas Billeter ha potuto annunciare la nomina di Thomas Aebi, un professionista delle vendite, come specialista: «Anche la formazione PEX si sta sviluppando in modo molto soddisfacente: gli esami sono concepiti in modo molto più aperto e siamo riusciti a formare 30 PEX altamente motivati nel settore del post-vendita automobilistico». È necessario migliorare il contenuto delle CI, dove i gruppi indipendenti dalla sede sono semplicemente troppo lontani dalla pratica. E per dissipare l'incertezza delle officine sul nuovo corso di formazione di base sulle vendite, si stanno fornendo ausili. «Infine, vogliamo aumentare il numero di contratti di apprendistato nel settore vendite», spiega A. Billeter, che è ancora alla ricerca di modi per aumentare il numero di apprendisti. «Infine, vogliamo aumentare il numero di contratti di apprendistato nel settore vendite», spiega A. Billeter, che è ancora alla ricerca di PEX per l'area di interesse "gestione del negozio online".

Revisione della formazione tecnica di base
Beat Künzi, presidente della Commissione nazionale per lo sviluppo professionale e la qualità (B&Q), ha spiegato che è giunto il momento di affrontare la revisione dei corsi di formazione tecnica di base per gli assistenti di manutenzione automobilistica (AMA), i meccanici di manutenzione automobilistica (MMA) e i tecnici meccatronici automobilistici (MA), perché non possiamo continuare a inserire sempre più materiale nei corsi! Il problema è: cosa tagliare? I corsi sulla sostituzione dei vetri e sull'incollaggio delle materie plastiche per lasciare spazio alla tecnologia ad alta tensione e ai sistemi di assistenza?

La proposta della commissione di Arnold Schöpfer, che prevedeva l'aggiunta di tre giorni di CI di elettrotecnica di base, ma soprattutto l'eliminazione della tecnologia di connessione, ha suscitato discussioni. Thomas Hofer ha richiamato l'attenzione sul fatto che, nella pratica, la tecnologia di montaggio è più richiesta. Dopo ulteriori votazioni da parte di Patrick Gansser e André Hoffmann, è maturata l'idea di dedicare un totale di quattro giorni alla tecnologia di giunzione e alla lavorazione dei metalli, pur rimanendo flessibili in termini di argomenti/contenuti. Il Presidente del CFP Hediger ha quindi votato, come inizialmente previsto, i vari articoli dell'OBI da adattare. Di conseguenza, le competenze operative Riparazione di sistemi di assistenza alla guida e di infotainment, nonché di motori elettrici, ibridi e alternativi, sono state aggiunte all'AF. Il modulo didattico dovrebbe essere obbligatorio per tutti (anche per i diplomi terziari DA ed EPS), e una ripetizione periodica dovrebbe avvenire ogni cinque anni per dare maggiore importanza alla qualità della formazione. Charles-Albert Hediger ha aggiunto: «Dobbiamo pensare innanzitutto agli apprendisti, che trarranno beneficio se ci sarà anche un corso di aggiornamento per i formatori».

 

Anni di impegno nella formazione
Charles-Albert Hediger e Olivier Maeder hanno approfittato della riunione del CFC per salutare Rolf Künzle (ASBA), Peter Linder (CP ASB), Pierluigi Vizzardi (CFP TI), Jean-Philippe Fumeaux (CFP VS) e Philippe Monnard (CFP VD), che hanno lavorato per molti anni a favore della formazione professionale. «Non c'è niente di meglio che impegnarsi in qualcosa di utile e poter scambiare idee con i colleghi», ha sintetizzato Peter Linder. Jean-Philippe Fumeaux ha rivelato: «Grazie al CPS dell'UPSA, ho acquisito ottimi colleghi, sia nella Commissione che nella Sezione», e Philippe Monnard ha riso: «Ora lavoro per l'UPSA da 35 anni, anche se era previsto che lo facessi per tre o quattro anni». E aggiunge: «C'è sempre stato qualcosa da migliorare per stare al passo con i continui cambiamenti nel campo della mobilità. Questo, e il fatto di lavorare per i giovani, mi ha sempre motivato e spinto».

Una piccola rivoluzione nella formazione
Olivier Maeder è particolarmente soddisfatto di un cambiamento: l'autorizzazione a formare tecnici meccatronici dell'automobile (MA) sarà adattata. In futuro dovrebbero essere sufficienti tre anni di esperienza professionale come MA e un modulo di insegnamento, il che potrebbe consentire di eliminare le autorizzazioni eccezionali presenti in vari cantoni. «Di solito è il tecnico meccatronico in prima linea a fare la formazione. Dovremmo puntare alla standardizzazione in questo settore, in considerazione delle altre professioni e della carenza di lavoratori qualificati», ha affermato Schöpfer. Questo punto non è stato contestato, così come la portata e l'implementazione del QP con esame finale, anche se resta da vedere se per gli assistenti alla manutenzione di autoveicoli sia ancora richiesto un esame scritto sulle conoscenze professionali. Anche il punto relativo al calcolo e alla ponderazione dei voti non ha trovato opposizione. Devono essere indicati due voti di CI per anno, in modo da poter calcolare una media anche se il CI viene ripetuto nell'ultimo anno di formazione.

Per quanto riguarda la formazione sull'alta tensione, l'obiettivo è quello di apportare modifiche in termini di competenze e contenuti, in modo che l'HV2 sia accettato dagli importatori e dai partner di formazione e che sia sufficiente una sola giornata di formazione per ottenere il diploma di livello 2 S. Si tratta di un netto miglioramento, in modo che l'HV2 sia accettato dagli importatori e dai partner di formazione. Si tratta di un netto miglioramento per evitare che, in caso di cambio di marchio, sia necessario frequentare nuovamente diversi giorni di corsi sull'alta tensione e ottenere così il diploma 2 S. Per quanto riguarda l'autorizzazione alla formazione per gli operatori Tesla, è stato specificato che è ben accetta, ma che è necessario garantire che i tirocinanti possano acquisire competenze anche al di fuori della trasmissione elettrica e che ciò avvenga in una sede centrale – per la Svizzera tedesca, un concetto è disponibile presso STF Winterthur. L'autorizzazione alla formazione per le aziende Tesla dovrebbe essere possibile solo con un partner associativo in grado di trasmettere i contenuti mancanti.

bbk4_920x500px.jpg
Barbara Germann, del Comitato centrale dell'UPSA, ha mostrato ai circa 60 presenti quanto sia importante far appassionare le donne all'industria automobilistica.

Subentra Daniel Rindlisbacher
Werner Bieli, del comitato di garanzia della qualità per i diagnostici automobilistici e i coordinatori di officina, ha mostrato che grazie al modello a due fasi «Sistemi di trasmissione alternativi» e alla definizione dei nuovi punti di forza della formazione, siamo al passo con i tempi sia per le autovetture che per i veicoli commerciali. Il primo corso di formazione potrebbe iniziare nell'ottobre 2025 a Thun e da gennaio 2027 nella Svizzera francese. Dall'inizio dell'anno è in vigore una nuova guida per gli esami, mentre entro l'autunno verrà creata una banca dati per gli esami scritti. Peter Linder, presidente uscente della commissione d'esame dei consulenti per l'assistenza automobilistica, è molto soddisfatto di come si è svolto il primo esame professionale nel 2023 secondo il nuovo regolamento d'esame: «È il momento giusto per passare la torcia a Daniel Rindlisbacher», che non vede l'ora di affrontare la nuova sfida. Il 47enne argoviese, che lavora presso Amag Import AG a Cham, vuole coinvolgere nel comitato un maggior numero di persone provenienti dalla Svizzera francese e aggiunge: «Attualmente è in corso il secondo corso di formazione per consulenti di assistenza automobilistica, con esame nell'agosto 2024. In questo caso c'è un maggiore bisogno di PEX in entrambe le lingue nazionali, e siamo felici di avere qualsiasi indicazione dalle sezioni».

Per quanto riguarda i consulenti di vendita automobilistica, Patrick Ganière ha spiegato che i candidati erano undici, la cifra più bassa finora, e che purtroppo non ci sono ancora opportunità di formazione nella Svizzera francese e in Ticino. C'è un po' di incertezza sull'introduzione del modello di agenzia, ma «la cura del cliente e la prospezione rimarranno importanti. Gli obiettivi di volume e qualità e i database dei clienti esistono anche nel modello di agenzia, motivo per cui i consulenti di vendita dovranno essere ben formati anche in futuro», spiega il concessionario BMW. Thomas Jäggi, del Comitato d'esame, ha aggiunto che sono iniziati i lavori per l'attuazione della revisione completa del regolamento d'esame e dell'offerta di corsi di formazione continua, e che ora il compito è quello di elaborare l'analisi del settore professionale, il profilo di qualificazione e il regolamento d'esame e le linee guida in gruppi di lavoro. Martin Bächtold ha poi fornito informazioni dalla Commissione per gli esami professionali superiori: in questo campo, nel 2024 non ci sarà certamente un diploma, ma dieci o dodici candidati dovranno sostenere nuovamente l'esame in tutti i settori, il che rappresenta una certa mole di lavoro per i PEX. È importante sottolineare il legame con l'industria come USP per i laureati in gestione aziendale; dopo tutto, la formazione potrebbe essere fornita in altri settori, ma «vogliamo tenerli il più possibile nell'industria automobilistica».
 
L'amministratore delegato di auto-i-dat è impressionato dall'approccio rigoroso
 

bbk_box1_920x500px.jpg
Il direttore commerciale Eric Besch (a sinistra) e il CEO Philipp Zimmermann (a destra) di auto-i-dat AG consegnano a Olivier Maeder, responsabile del settore formazione dell'UPSA, un assegno di 25’000 franchi svizzeri.

Auto-i-dat AG fornisce dati sui veicoli rilevanti per il settore come base per il processo decisionale nelle officine. L'azienda specializzata in dati è da molti anni sponsor della «Giornata svizzera del garage» e si impegna per la formazione. Il CEO Philipp Zimmermann e il responsabile delle vendite Eric Besch consegnano a Olivier Maeder, responsabile della formazione dell'UPSA, un assegno di 25’000 franchi svizzeri. «42 esperti per 11 apprendisti: questo mi impressiona davvero, la cura con cui lavoriamo qui», ha spiegato il CEO di auto-i-dat. «Siamo lieti di poter sostenere l'industria automobilistica e la formazione nel settore».

Un seminario femminile di successo
Franziska Schönenberger ha parlato del successo del seminario femminile 2023: «È tutt'altro che un café du commerce, stiamo lavorando sodo». Si è parlato della carenza di personale qualificato, dell'organizzazione delle emergenze, della comprensione della generazione X, dell'eredità e della nuova legge sulle successioni. Il prossimo seminario si terrà il 28 e 29 ottobre a Sempach (LU), mentre un webinar di mezza giornata è previsto per la fine di maggio. L'UPSA Business Academy ha dato buone notizie: in primo luogo, ha ottenuto la certificazione eduQua secondo il nuovo standard e, in secondo luogo, offre un nuovo corso di supporto alle imprese in tedesco (sono previsti anche francese e italiano). La soluzione industriale SAD ha superato l'esame CFST (ora valido fino a giugno 2028). «Ci portiamo dietro un po' di compiti a casa», dice Manuela Jost. Stiamo aggiornando le liste di controllo specifiche per le filiali e il tema della protezione della maternità. «Inoltre, la Safety-Bag è stata aggiornata in modo che i dipendenti e i tirocinanti possano proteggersi adeguatamente». Nel campo dei restauratori di veicoli, Marcel Wyler ha potuto annunciare che nel 2024 si terrà per la prima volta un esame in francese, che rappresenta anche una sfida: «Ho bisogno di 42 esperti per un esame con undici candidati». Il corso di formazione per Road Ranger è stato ben accolto, con Markus Schwab che ha sottolineato come per la prima volta il nuovo RC preveda una specializzazione in soccorso agli incidenti.

Olivier Maeder ha ricordato che qualsiasi supporto è ben accetto per l'organizzazione dei corsi e che le sezioni già molto attive in questo campo sono sempre pronte ad aiutare. Attualmente c'è un po' di incertezza sul futuro del popolare formato dei Future Days, poiché sono in corso i lavori a Vauffelin. «Il formato alternativo è stato sicuramente ben accolto, ma ha raggiunto solo un terzo del suo pubblico abituale – ed era chiaramente più costoso», spiega O. Maeder. L'obiettivo è quindi quello di responsabilizzare le aziende associate all'UPSA e di mostrare loro l'importanza della formazione iniziale e continua. «Stiamo già facendo molto per i giovani, ma dobbiamo fare ancora di più per trattenerli nel settore», ha concluso il presidente del CFP Hediger.
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

6 + 2 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti