Già una barba di tre giorni riduce l’effetto protettivo

Corretta protezione respiratoria

Già una barba di tre giorni riduce l’effetto protettivo

15 settembre 2022 agvs-upsa.ch – Per la sicurezza dei collaboratori di un garage è importante adottare le corrette misure di protezione delle vie respiratorie. Con i numerosi criteri e le tante norme da rispettare, è facile perdere la bussola. Una breve panoramica delle misure più importanti può risolvere questo problema.

artikelbildatemschutz.jpg
Particolare cautela è necessaria nella verniciatura con vernici poliuretaniche. Queste contengono isocianato che può causare asma. Foto: Media UPSA

mfi. Le mascherine e gli autorespiratori proteggono da gas, vapori, polveri e aerosol contenenti sostanze o organismi nocivi per l’organismo. Una protezione respiratoria non utilizzata correttamente o inadeguata per un lavoro specifico può costituire un rischio acuto o a lungo termine per la salute. Per evitare che ciò accada, occorre osservare quanto segue:

1. Una buona vestibilità delle mascherine, oltre ad avere un maggiore effetto protettivo, è probabilmente il componente più importante nella protezione respiratoria. Se indossando una mascherina di protezione delle vie respiratorie si crea uno spazio tra la maschera e il viso, è possibile che particelle e sostanze nocive entrino nelle vie respiratorie. «In generale si può dire che le mascherine respiratorie proteggono solo se si adattano bene alla forma del viso e se vengono utilizzate correttamente», afferma Adrian Vonlanthen, portavoce per la sicurezza sul lavoro presso la Suva. Questo vale soprattutto per chi ha la barba, perché i peli del viso compromettono l’aderenza ottimale delle mascherine. Già una barba di tre giorni può ridurre notevolmente l’effetto protettivo di una mascherina respiratoria. 

2. Come si fa a scegliere la mascherina giusta? Non esiste una soluzione unica, ma esistono diverse mascherine di protezione e soluzioni respiratorie per un’ampia gamma di applicazioni. Un elenco dei vari i lavori svolti in azienda può aiutare a definire i sistemi di protezione respiratoria appropriati per ogni settore. La levigatura produce emissioni diverse da quelle della verniciatura e viceversa. Le mascherine antiparticolato sono sufficienti per le polveri minerali, le polveri fibrose e le polveri di levigatura. Tuttavia, quando nel corso di un processo di lavoro vengono liberati gas, vapori o altre polveri cancerogene, è necessario utilizzare filtri antigas appropriati, magari persino gli autorespiratori isolanti, per proteggere le vie respiratorie. 

3. I diversi tipi di filtro antiparticolato sono costituiti da fibre con carica elettrostatica per fissare le particelle. Il filtro antiparticolato efficace contro polveri e aerosol è dichiarato con «FFP1,» «FFP2» e «FFP3» o «P1,» «P2» e «P3». Per entrambe le denominazioni, il numero 1 indica una minore capacità di filtrazione e il numero 3 una maggiore. I filtri antigas sono suddivisi in lettere e colori. La Suva distingue 5 diversi tipi di filtri. Il tipo di filtro «B,» solitamente contrassegnato in grigio, è efficace ad esempio contro i gas e i vapori inorganici come cloro e acido cianidrico. Per i filtri antigas, la capacità di filtrazione è indicata anche con le classi 1, 2 e 3. Anche in questo caso il numero 1 indica una capacità di filtrazione ridotta e il 3 una elevata. 

4. Quando è necessario sostituire il filtro? Anche i filtri respiratori hanno date di scadenza e possono subire danni se non conservati correttamente. Le mascherine respiratorie e i filtri devono essere conservati in un luogo asciutto, al riparo da liquidi e altri agenti. Quando si utilizza una nuova mascherina, controllare la data di scadenza sulla confezione. Le mascherine monouso, come suggerisce il nome, dovrebbero essere utilizzate al massimo una volta e solo per il tempo dichiarato dal produttore. I filtri antiparticolato devono essere sostituiti obbligatoriamente durante l’uso attivo se la membrana del filtro è intrisa di particelle. Chi indossa la mascherina se ne rende conto a causa della difficoltà a respirare. La sostituzione è necessaria anche se il filtro antiparticolato è sporco o danneggiato. I filtri antigas e i antivapori lasciano passare le sostanze nocive non appena il filtro è saturo, senza che la resistenza respiratoria della mascherina sia alterata per chi la indossa. Da questo momento si ha la penetrazione e l’effetto protettivo non è più garantito. La durata di utilizzo di un filtro di questo tipo dipende da diversi fattori. Tra questi figurano la concentrazione, il tipo di inquinante, la capacità respiratoria dell’utilizzatore, l’umidità dell’aria e la temperatura ambiente. In caso di dubbio è preferibile sostituire un filtro antigas in anticipo piuttosto che in ritardo. 


 
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

12 + 8 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti