Ecco a cosa devono fare attenzione i garagisti

Vendita di veicoli elettrici

Ecco a cosa devono fare attenzione i garagisti

10 novembre 2022 agvs-upsa.ch Un garagista UPSA ha recentemente acquistato un’auto elettrica per la rivendita. Un’impresa apparentemente semplice, ma che ha comportato alcuni ostacoli.

inhaltsbild_agvs_inhaltsbild_an_u_verkauf_920x540px.jpg
Graffi minori e conseguenze: quando si rivende un veicolo elettrico.
Foto: Shutterstock


mfi. Nei veicoli elettrici tutto ruota intorno alla batteria. Lo sa anche il garagista UPSA, la cui esperienza è riportata in questo articolo. Quando, qualche tempo fa, il proprietario di un’autofficina multimarca ha acquistato all’asta un veicolo elettrico per la rivendita, ha fatto verificare il funzionamento della batteria dal produttore ovvero dal rivenditore OE. Sembrava tutto a posto dal punto di vista elettrico. Tuttavia, sulla piattaforma internet su cui aveva acquistato all’asta l’auto, non risultava che la vettura presentasse lievi graffi e una piccola ammaccatura sulla piastra della batteria sul fondo. «Poi è arrivato il gran giorno e volevo vendere l’auto,» dice il garagista. Ha quindi fatto controllare il veicolo prima della vendita presso l’Ufficio della circolazione stradale e ha ottenuto una lista dei difetti. L’elenco indicava che la piastra della batteria presentava lievi graffi e una piccola ammaccatura e che ciò poteva compromettere la sicurezza del veicolo. Dato che già prima del CVM aveva fatto controllare la batteria per verificarne il funzionamento e che la batteria aveva funzionato perfettamente sia durante il test che durante la prova su strada, il risultato negativo del controllo lo ha sorpreso molto. L’Ufficio della circolazione stradale non ha cambiato idea nemmeno dopo aver visto l’attestato relativo all’esito positivo del controllo dell’impianto ad alta tensione. L'Ufficio, infatti, non voleva assumersi alcuna responsabilità e andare sul sicuro.

Il proprietario del garage è rimasto sbalordito: «Qual è la linea di demarcazione tra danni leggeri e danni gravi nei veicoli elettrici? Se la batteria avesse subito un danno effettivo, il relativo test lo avrebbe rivelato subito o il veicolo avrebbe subito un cortocircuito.» Ma non è servito a niente. L’ultimo verdetto dell’Ufficio della circolazione stradale recita: il danno deve essere verificato presso l’organismo «ufficiale», vale a dire l’importatore, ed eventualmente riparato.

Rassegnato, il garagista ha chiesto all’importatore di stilare un preventivo per l’intero controllo del veicolo e della batteria. Per far controllare e riparare l’intero veicolo, l’auto elettrica avrebbe dovuto essere ritirata presso l’autofficina del garagista con un semirimorchio, per essere poi verificata e riparata presso l’impresa di competenza. Costo: quasi la stessa cifra per cui aveva acquistato l’auto all’asta. Per il garagista era chiaro che si trattava di una perdita totale e che non avrebbe mai potuto vendere il veicolo in modo redditizio: «Mi sono fatto spedire dall’Ufficio della circolazione stradale la licenza di circolazione e ho cercato un approccio pragmatico per poter rimettere in circolazione il veicolo altrove.» L’approccio pragmatico rimane il suo piccolo segreto, ma il veicolo è tornato a battere le strade e ha già percorso diversi chilometri senza complicazioni.

Markus Peter, responsabile del settore Tecnologia e Ambiente dell'AGVS, sa che il tema della compravendita di veicoli elettrici è complesso: «Oltre a un'accurata ispezione visiva e alla verifica delle garanzie esistenti, raccomanda ai titolari di officine di verificare sempre, direttamente con l'importatore o con un esperto di batterie, che la batteria sia in perfette condizioni prima di procedere all'acquisto». Aviloo Battery Diagnostics, ad esempio, è un fornitore di servizi indipendente che collabora con l'ACS. I clienti finali e le officine possono utilizzare questo servizio per ispezionare i veicoli prima dell'acquisto e avere la certezza che il veicolo o la batteria siano in perfette condizioni, almeno dal punto di vista elettrico. Tuttavia, un'ispezione visiva particolarmente accurata rimane compito del proprietario dell'officina per proteggersi da spiacevoli sorprese. Nonostante ciò, i veicoli elettrici continueranno ad essere un'attività redditizia per i proprietari di garage anche in futuro. Il pacco batteria in particolare, con i suoi moduli di celle ad alta tensione, l'elettronica di controllo, il sistema di raffreddamento e gli elementi di sicurezza, contiene un gran numero di componenti complessi che possono essere controllati e, se necessario, riparati o sostituiti dagli specialisti dell'officina. Nel caso del proprietario dell'officina qui descritto, non è stato possibile effettuare un'ispezione preventiva approfondita. Tuttavia, quando un'auto viene acquistata all'asta, esiste anche un elevato rischio di danni al motore a combustione che non possono essere controllati in anticipo. Come spesso accade con le nuove tecnologie, occorre innanzitutto familiarizzare con l'argomento. Gli investimenti in tempo, infrastrutture e strumenti che devono essere fatti all'inizio saranno ripagati in seguito. Forse questo articolo aiuterà uno o due colleghi a imparare di meno...».
torna su
 
Feld für switchen des Galerietyps
Bildergalerie

Aggiungi commento

12 + 8 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

Commenti